sabato, Febbraio 24, 2024
HomeEsteriMosca risponde ai carri armati USA e occidentali con il robot Marker

Mosca risponde ai carri armati USA e occidentali con il robot Marker

La guerra in Ucraina sta lentamente ma inesorabilmente portando ad uno scontro diretto tra Russia e NATO ma sta sta dando la possibilità di accellerare sulla messa a punto di nuove armi e “testare” sul campo quelle in dotazione.
La decisione occidentale di fornire a Kiev carri armati Leopard II e Abrams però non sembra aver allarmato più di tanto Mosca. Alla superiorità dei carri russi ai carri che saranno messi in campo da Kiev, l’esercito russo contrapporrà il nuovo e sofisticato robot di fabbricazione russa, il Marker.
Secondo Dmitry Rogozin, ex direttore generale dell’agenzia spaziale federale russa Roscosmos, il robot Marker- dotato di un sistema di intelligenza artificiale e della tecnologia di apprendimento automatico – è equipaggiato di un sistema di controllo ed ha un catalogo elettronico che rileva e visualizza le immagini dei bersagli anche ad infrarosso.
Nello specifico, al sistema saranno forniti tutti i dati e le informazioni necessarie per il riconoscimento dei carri nemici.
Il Marker, che può essere manovrato da remoto o dalla sua intelligenza artificiale, può essere equipaggiato con armi laser, di 16 droni contenuti in 4 lanciatori e da missili anticarro con portata di 6 chilometri e una mitragliatrice.
Già nelle prossime settimane i primi quattro Marker che arriveranno al fronte.
Zelensky vuole portare l’occidente alla guerra sul campo e preme ora per gli F-16 e missili a lunga gittata. Berlino frena, Biden tentenna.
E secondo il Doomsday Clock, siamo “solo” a 90″ dall’Apocalisse

Più popolari

ultime notizie