venerdì, Ottobre 7, 2022
No menu items!
HomeCronacaMarsala. Il Sindaco ai viticolotori. Effettuate trattamento preventivo per peronospera

Marsala. Il Sindaco ai viticolotori. Effettuate trattamento preventivo per peronospera

La peronospora, il terribile fungo della famiglia delle Peronosporaceae: la Plasmopara viticola che colpisce in prevalenza la vite, secondo le indicazioni e i comunicati dei tecnici dell’Assessorato regionale all’Agricoltura potrebbe tornare a colpire i vigneti del nostro territorio arrecando danni consistenti alla già precaria economia dei nostri agricoltori. Da qui l’invito del Sindaco Renzo Carini a porre in essere tutti gli accorgimenti ed i trattamenti necessari al fine di scongiurare gravissimi danni alle piante e conseguentemente alla raccolta dell’uva nel mese di settembre. “Le notizie che ci giungono dagli esperti dell’Assessorato regionale all’Agricoltura – precisa il Sindaco Carini – preannunciano un consistente rischio “peronospora” per i vigneti del comprensorio marsalese. Occorre, dunque, visto il clima di questo periodo che si proceda al giusto trattamento delle piante per prevenire il proliferare della peronospora come è accaduto la scorsa primavera con danni davvero ingenti. In tal senso mi sento di rivolgere un invito a tutti i miei concittadini viticoltori affinchè prendano contatti con le Soat o con il Centro per le innovazioni della filiera vitivinicola “Ernesto Del Giudice”  e pongano in essere le loro direttive per prevenire la malattia o affrontarla già dal 1° stadio“.  Tecnicamente la peronospora colpisce le foglie e si manifesta con delle macchie traslucide, che sembrano di olio, sulla pagina superiore, che spesso vengono seguite, in corrispondenza sulla pagina inferiore, da macchie di muffa giallastra, soprattutto se l’umidità è elevata. Con il procedere del tempo la malattia si diffonde ai germogli, che si ricoprono di muffa bianco-giallastra. I tessuti colpiti da peronospora disseccano e cadono. Prima della caduta sulle foglie il fungo rilascia delle oospore, che rimangono sulle foglie cadute, dove passano l’inverno, e infettano le piante l’anno successivo.  Difficilmente si può arrivare alla morte dell’intera pianta, però ovviamente si ha un forte deperimento della vegetazione, accompagnato da scarsa produzione di fiori e di frutti.  Questa malattia è favorita dall’elevata umidità e dalle temperature primaverili; le maggiori infezioni avvengono in periodi che presentano la cosiddetta regola dei tre 10: germogli di 10 cm, pioggia di 10 mm in 24-48 ore, temperatura minima 10°C; in presenza dei tre elementi precedentemente elencati si procede a trattamenti preventivi, praticando l’endoterapia e quella di contatto. Attualmente – secondo quanto precisa Vito Falco del Centro per l’innovazione della filiera vitivinicola – è attivo un servizio gratuito del centro agrometereologico che invia sms agli agricoltori  avvisandoli, per tempo, di eventuali possibili malattie delle varie coltivazioni. Per beneficiarne basta iscriversi ad un’apposita lista.

Più popolari

ultime notizie