lunedì, Settembre 26, 2022
No menu items!
HomeCronacaFinanziamenti europei: Dirigenti europei e regionali giudicano positivo lo stato di attuazione...

Finanziamenti europei: Dirigenti europei e regionali giudicano positivo lo stato di attuazione della spesa

Si è svolta a Palazzo d’Orleans, una riunione tra l’assessore Regionale al Bilancio e alle Finanze, Michele Cimino, Raul Prado, della Commissione Europea DG REGIO con una delegazione di rappresentanti, Felice Bonanno, presidente dell’Autorità di Gestione del POR Sicilia,  dirigenti e funzionari regionali responsabili delle misure del programmazione europea.
La prima parte dell’incontro è stata dedicata alla verifica dello status di attuazione della spesa da realizzare fino al 30.6.09. I responsabili dei vari dipartimenti  coinvolti hanno espresso una  valutazione positiva sulla chiusura dell’attuazione dei vari programmi, con un livello di pagamenti che potrebbe superare il costo totale di 8.495 milioni di euro.
Dal confronto sono emerse anche tre criticità con cui fare i conti: le possibili detrazioni forfettarie conseguenti alle due sentenze della Corte di Giustizia Europea sulla procedura di infrazione aperta dalla Commissione nei confronti dell’Italia sulla legge sugli appalti 11.2.94, n. 109;  la soluzione delle questioni attinenti ad c.d. “tasso di errore” sui Fondi, e il follow-up degli audit in corso, il più importante dei quali accadrà l’8 giugno, a programmazione praticamente chiusa.
Il dato più importante è emerso sul punto delle risorse liberate, quelle cioè svincolate da precedenti programmi e spendibili per altri. Si tratta di ben 281 milioni di euro che ad oggi sono disponibili.
Nella seconda parte della riunione si è approfondito il sistema della Governance per il Programma operativo FERS 2007-2013. In particolare sono state illustrate strutture, funzioni e compiti delle autorità che ne fanno parte: autorità di Gestione, autorità di Audit, autorità di Certificazione, illustrando anche il relativo documento di attuazione.
Infine, ci si è soffermati sui sistemi di gestione e di controllo, sui quali, particolare interesse, hanno mostrato i componenti della Commissione europea e sulla individuazione degli organismi intermedi, quelli che si frappongono tra l’autorità di Gestione e il beneficiario finale.
Felice Bonanno, che ha guidato i lavori, si è detto certo che vi siano le condizioni “per giungere ad una sufficiente quantità di risorse spendibili cui fa riferimento una qualità dei progetti in campo che contribuiranno significativamente a innescare processi di sviluppo virtuosi, di cui la nostra regione ha bisogno sia sul versante dell’occupazione che su quello della realizzazione”.
 

Più popolari

ultime notizie