lunedì, Ottobre 3, 2022
No menu items!
HomeCronacaBuseto Palizzolo (TP) Sindaco segnalato al Corpo Forestale per violazione norme Cites...

Buseto Palizzolo (TP) Sindaco segnalato al Corpo Forestale per violazione norme Cites e detenzione di animale pericoloso

LAV e The Jane Goodall Institute Italia hanno inviato una richiesta al Serizio Cites del Corpo Forestale dello Stato, affinché siano rese note le misure poste in essere per garantire un’idonea sistemazione al Primate detenuto all’interno di una struttura posta nella villa comunale di Buseto Palizzolo (Trapani).
In seguito alla richiesta di verifica inoltrata dalla LAV, infatti, il Sindaco della cittadina siciliana è stato segnalato dal Corpo Forestale dello Stato alle autorità competenti per violazione delle norme Cites e detenzione di animale pericoloso per la salute e l’incolumità pubblica.
Nonostante non siano stati rilevati segni fisici evidenti di sofferenza, però, le condizioni di detenzione in cui versa l’animale sono inadeguate alle sue caratteristiche etologiche – dichiara Nadia Masutti, responsabile nazionale LAV, settore Esotici e Zoo – La struttura in cui è detenuto l’animale, poi, non può considerarsi “zoo”, e quindi non rientra nella fattispecie normativa di cui al DLgs 73/2005. La mancata osservanza della disciplina citata configura in se stessa un’illecita detenzione che danneggia gravemente il benessere dell’animale coinvolto, che ricordiamo oggi essere tutelato penalmente dalla legge 189 del 2004, e che come più volte ribadito dalla Cassazione, deve essere inteso come benessere sia fisico che psicofisico“.
L’animale, probabilmente un macaco della specie Macaca silvana, è detenuto, sembra da oltre 25 anni (come riportano alcuni articoli di stampa), in una struttura di cemento recintata, caratterizzata da un piccolo riparo e da un fondo di privo di arricchimento ambientale, all’interno del quale non sono visibili contenitori per cibo e acqua (disponibili foto).
Per questo motivo LAV e The Jane Goodall Institute Italia hanno chiesto che sia previsto un programma a lungo termine di arricchimento ambientale e relazionale, che contribuisca a migliorare il benessere psico-fisico dell’animale.
Qualora questo non potesse essere garantito in tempi brevi, mettiamo le nostre competenze a disposizione per cercare una sistemazione idonea per l’animale, riservandoci parallelamente con il nostro Ufficio Legale la possibilità di intraprendere ulteriori azioni legali ad immediata tutela dell’animale“,  conclude Nadia Masutti.

Più popolari

ultime notizie