lunedì, Settembre 26, 2022
No menu items!
HomeSanitàSANITA. Russo: accetteremo con serenità la decisione del Parlamento... e rimane sulla...

SANITA. Russo: accetteremo con serenità la decisione del Parlamento… e rimane sulla poltrona

La coerenza si sa, è una caratteristica che sembra mancare ai politici nostrani. Da mesi il Massimo regionale ci propina in tutte le salse la sua ricetta per una sanità migliore in Sicilia. Lui contro tutti, sembra anche contro Cuffaro, ma questa è un’altra cosa.
IL suo piano virtuoso in realtà è  fatto di tagli e “rimodulazioni” incomprensibili, che lascia intatto il sistema di spreco, di disorganizzazione e baronie, oltre che, ovviamente, il metodo di assegnazione delle poltrone dirigenziali e di sottogoverno secondo il manuale Cencelli e feudale. La politica sarà sempre quella che “dirigerà” i feudi, e quelli della medicina sono feudi molto importanti sia sotto l’aspetto del potere inteso come bacino di voti, che economico, visto l’ingente quantità di denaro pubblico che muovono.         
Malgrado sia convinto di aver preparato in salsa agrodolce ai siciliani un piano sanitario perfetto, malgrado lo abbia ritenuto immutabile, oggi, finalmente, Massimo Russo, appare per quello che è: un politico. Niente di più e niente di meno.       
Abbiamo sempre scritto e riscriviamo per chiarezza, che Russo dovrebbe prendere atto di essere stato sfiduciato dalla sua stessa maggioranza e quindi, coerentemente con la sua linea di intransigenza, avrebbe dovuto, e dovrebbe rassegnare le dimissioni subito dopo essere stato sfiduciato in Commissione Sanità.
Invece, appare come un politico sensibile all’importanza della poltrona, forse dimentico delle sue prese di posizioni in favore di un amministrazione virtuosa e trasparente, almeno secondo il suo pensiero, si rimette alle decisioni del Parlamento e afferma: “accetteremo con serenità”.
L’accetteremo chi? Lui e chi altri? E forse un plurari maiestatis o un semplice lapsus froidiano?
Potenza delle poltrone. Anche lui, magistrato, che si dice prestato alla politica, dimostra di essersi ben inserito nel mondo della casta siciliano.
Alla fine di tutto, lui accetterà le decisioni del Parlamento anche se questo dovesse stravolgere il suo piano, Lombardo rimarrà saldo al timone, e i deputati si accontenteranno di quello che arriverà.
E i siciliani? Hanno i governanti che si meritano anche se … Massimo Russo non lo hanno neanche eletto! Lo ha imposto Raffaele Lombardo ed è a questi che bisogna dire grazie due volte.

Più popolari

ultime notizie