lunedì, Ottobre 3, 2022
No menu items!
HomeEsteriL'intervento USA in Pakistan causa un esodo biblico dallo SWAT

L'intervento USA in Pakistan causa un esodo biblico dallo SWAT

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) prevede che nel corso dell’anno la situazione nella valle dello Swat si aggraverà e prevede un massiccio esodo della popolazione sottoposta ad ogni genere di privazioni. Ad oggi si contano oltre 230 mila sfollati.La situazione dei combattimenti non è destinata a migliorare, anzi, per tutto il 2009 e il 2010 si prevede un escalation degli scontri tra militanti e forze armate e USA.Secondo l’OCHA la situazione in funzione agli aiuti umanitari è molto complessa e si prevede un aggravamento della già precaria situazione umanitaria,

Swat Valley
Swat Valley

che deriva anche dall’esodo costante di gruppi di popolazione dall’area interessata agli scontri e ancora sotto il controllo dei militanti e questo aggrava la condizione della popolazione che non riesce a ricevere sufficienti aiuti umanitari.Intere aree del distretto dello Swat che ricordiamo conta circa due milioni di abitanti, restano sotto il coprifuoco e inaccessibili alle agenzie umanitarie.  
L’OCHA ha stimato in 127 milioni di euro il fabbisogno economico per portare aiuto ai nuovi sfollati. Mancano quindi circa 98 milioni di euro alla già carente dotazione di 29 milioni disponibili.
La guerra in Afghanistan ha prodotto la tabanelizzazione di intere aree del nord ovest pakistano e gli Usa ancora si rifiutano di ammettere di aver commesso un altro grave errore fuori dai propri confini.

Più popolari

ultime notizie