mercoledì, Settembre 28, 2022
No menu items!
HomeCronacaGiuseppe Gatì, una morte “bianca” scomoda per la casta

Giuseppe Gatì, una morte “bianca” scomoda per la casta

E’ avvilente constatare come la grancassa della solidarietà alle vittime del lavoro, messa sistematicamente in funzione dalla casta e da quanti girano ad essa intorno, questa volta, in occasione della morte del giovane Giuseppe Gatì, è rimasta in silenzio.
Nessuno, dal Presidente autonomista, all’assessore al lavoro o alla sanità, sempre solleciti a denunciare lo stato di insicurezza nei cantieri siciliani, e ad esprimere solidarietà ai parenti delle vittime, questa volta ha parlato. Neanche i sindacati sembra abbia preso posizione ed espresso solidarietà alla famiglia.
Zitti tutti, è morto solo un ragazzo, siciliano, che come tanti ha avuto il coraggio di contrastare il sistema di collusioni siciliano e di indicare quale pregiudicato, un ferrarese, voluto da un certo Pino Giammarinaro alla guida della città di Salemi,  che dal nord pensa di venire in Sicilia a portare la lieta novella. 
Il silenzio della casta e dei collusi ancora non individuati, è certamente gratificante per Giuseppe, e dimostra ancora una volta, semmai ce ne fosse stato bisogno, come la casta sia autorefenziale e chiusa.
Ma di Giuseppe Gatì, ce ne sono tanti ancora e la casta non può certo dormir sonni tranquilli.
Paradossalmente bisogna ringraziare la casta, i collusi e i pregiudicati di essere rimasti zitti perché così hanno mostrato tutto il senso della loro pochezza e della loro solitudine.

Più popolari

ultime notizie