mercoledì, Settembre 28, 2022
No menu items!
HomePoliticaMarsala. La favola del nuovo ospedale tra disagi e spreco di denaro...

Marsala. La favola del nuovo ospedale tra disagi e spreco di denaro pubblico

Pubblichiamo, con a margine un nostro commento sulla situazione, una nota del Partito Democratico di Marsala, almeno di ciò che ne resta, sull’anno problematica dell’OSpedale Cardilla.

“Dopo il trasferimento della farmacia nella nuova sede dell’Ospedale di Cardilla, ormai circa un anno fa, abbiamo tutti sperato che la lunga storia dell’ospedale fosse giunta al termine e Marsala potesse finalmente avere il tanto agognato Ospedale nuovo; speranza rinforzata all’inizio dell’estate scorsa , dal trasferimento anche del laboratorio di analisi cliniche e del centro trasfusionale.  Così non è stato: dopo circa un anno infatti, il trasferimento vero e proprio non è nemmeno cominciato.

C’è in atto un rimpallo di responsabilità tra Comune, Vigili del fuoco e ASL per quel che riguarda la concessione  dell’agibilità.  Viene allora da chiedersi come mai vengano fuori solo ora questi problemi a trasferimento annunciato e cominciato. Non sarà piuttosto che è stata data per completa una struttura  che in realtà non lo era affatto?  Prova ne è per esempio, che la schermatura della radiologia è ancora in fase di completamento come pure  le sale operatorie. In un periodo in cui si parla tanto di ridurre le spese della sanità il cui deficit ha raggiunto cifre da capogiro, i responsabili della nostra ASL hanno fatto i conti di quanto sta costando questo trasferimento del laboratorio di analisi e della farmacia ? Quanto costa mandare su e giù un mezzo con relativo autista per la consegna dei prelievi e il ritiro dei farmaci ? per non parlare del disagio dei pazienti, soprattutto oncologici, che dopo aver avuto il piano terapeutico dai vari reparti ubicati presso

L’Ospedale San Biagio si devono recare con i propri mezzi ( se li hanno) fino a Cardilla per ritirare il farmaco fornito dalla Farmacia dell’Ospedale.

Ci chiediamo, dove sia la programmazione , o meglio, se ci sia stata una programmazione.  Sembra  che tutto si svolga all’insegna dell’improvvisazione solo per buttare fumo negli occhi dell’utenza, magari in prossimità di una campagna elettorale come quelle della primavera scorsa.

Quanto ancora deve durare e costare in termini di denaro e disagi, questa farsa del trasferimento a puntate e quanto ancora i Marsalesi dovranno aspettare per utilizzare appieno il nuovo Ospedale ? “

Ci chiediamo e chiadiamo ai responsabili del PD a cosa serve la propaganda. In questo ultimo anno abbiamo più volte pubblicato quali sono i problemi per l’apertura dell’Ospedale ed abbiamo anche scritto che appare grave che sitrasferiscano alcuni uffici e la farmacia senza che la struttura sia in possesso dei certificati di collaudo e della necessaria agibilità.

Fino ad oggi non ci pare che il PD, ma anche altri gruppi politici abbiano preso posizione sulla questione. Come mai ci si sveglia solo in questi giorni ? C’entrano qualcosa le prossime elezioni ?

Una considerazione finale. Malgrado la cittadinanza rumoreggi per la decisione assurda di intitolare l’Ospedale a Paolo Borsellino che è ben ricordato dalla città con una piazza importante, nessuno fino ad oggi ha preso posizione su questo fatto e chiest, come dovrebbe essere ovvio, che l’ospedale prenda il nome del “fondatore” della sanità ospedaliera che risponde al nome di Grassellino.

Forse qualcunoi ha fatto confusione tra Borsellino e Grassellino ?

Più popolari

ultime notizie