giovedì, Ottobre 6, 2022
No menu items!
HomeEconomiaVicenda SIREMAR. La Regione, sensibile, viaggia a vista

Vicenda SIREMAR. La Regione, sensibile, viaggia a vista

Secondo l’assessore Bufardeci, “Le prime somme di cui disporrà la Tirrenia dovranno essere utilizzate per il programma di esercizio 2009 della Siremar, la società che effettua i collegamenti marittimi da e per le isole minori siciliane”.
Si tratta di somme ancora tutte da venire e peraltro non è detto che arrivino. Sta di fatto che la Regione Siciliana, anziché intraprendere un percorso virtuoso e degno di un governo si aggrappa ancora alle promesse del Ministro Matteoli già smentito dal Ministro del Tesoro Tremonti.
Secondo Bufardeci  “Nel corso di questa prima riunione del tavolo tecnico, il ministro Matteoli ha confermato l’impegno del governo a reperire le risorse per coprire il surplus di costi di cui necessita Tirrenia e questo è il segnale di una grande attenzione verso i problemi del trasporto marittimo per le isole minori siciliane”. “La proroga per i prossimi dodici mesi alle attività di Tirrenia e quindi di Siremar – continua Bufardeci – arriverà proprio nei prossimi giorni. Si tratta ora di avere fiducia e aspettare qualche giorno e sulla certezza che i collegamenti non verranno interrotti c’è il fortissimo impegno del governo regionale.
Sono convinto che nel corso della prossima riunione del tavolo tecnico – prevista per la prima settimana di febbraio – saremo in grado di predisporre il vero e proprio piano operativo d’esercizio per la Siremar”.
Nulla di nuovo sotto il ponte. Ovvero, ancora una volta il governo regionale, si dimostra sensibile ma incapace di rece perire una legge nazionale che assegna alla Regione Siciliana il controllo della Tirrenia e della Siremar.
Meglio per questo governo lasciare agli altri la patata bollente e propagandare sensibilità ed interesse. In questo la casta siciliana è molto brava.

Più popolari

ultime notizie