lunedì, Ottobre 3, 2022
No menu items!
HomeCronacaPolizia Municipale a Marsala: sbagliare è umano, perseverare è diabolico

Polizia Municipale a Marsala: sbagliare è umano, perseverare è diabolico

Caos "controllato"
Caos "controllato"

Ci risiamo. Ormai è da tempo che scriviamo l’assoluta assenza di controllo del traffico a Marsala. L’anarchia, talvolta, come documentato con foto, anche con i vigili presenti che appaiono distratti ed assenti.
Di contro,  che fare contravvenzioni anche ad automobilisti che rispettano il codice della strada, sia una operazione che sembra riuscire bene ai vigili.
Parliamo di un caso specifico ma potremmo parlare di molti, e riguarda via Abele Damiani. Una stretta via che presenta una segnaletica riconosciuta dal Giudice di Pace, con una sentenza del 2008, illogica.
All’inizio è presente un cartello di divieto di sosta, dopo qualche metro, un altro con l’indicazione di divieto di sosta con l’indicazione 0-24, ed infine un’altro cartello con l’indicazione di divieto di sosta nelle giornate di Venerdì dalle ore 22 alle 07.
Orbene, malgrado il Giudice di Pace abbia annullato una contravvenzione fatta dalla Polizia Municipale ad un cittadino che aveva posteggiato l’auto proprio subito dopo il terzo cartello in orario non vietato, ecco che, senza prendere provvedimenti per sistemare opportunamente la segnaletica, i vigili ogni tanto trovano il tempo di affibbiare contravvenzioni “nulle” ad automobilisti che posteggiano nella zona “autorizzata”.
Si può comprendere che qualche vigile non abbia ben presente il sistema della cronologia dei segnali stradali ma, dopo una sentenza contraria, sarebbe logico aspettarsi da parte del Comando di Polizia Municipale, un intervento per eliminare “l’illogicità” dei cartelli in questione.
Invece niente. Si continua a dare multe, ogni tanto, e far perdere tempo al cittadino che deve ricorrere al Giudice di Pace.
La Polizia Municipale già non ha un buon rapporto con la cittadinanza, certe situazioni fanno si che la gente la consideri poco più che un peso per la città e uno spreco di denaro pubblico.

Più popolari

ultime notizie