mercoledì, Settembre 28, 2022
No menu items!
HomeCronacaLotteria per il Carnevale di Sciacca 2009. Un pesce d’aprile dicembrino

Lotteria per il Carnevale di Sciacca 2009. Un pesce d’aprile dicembrino

Dopo le fanfare suonate dal deputato nazionale di Italia dei Valori Ignazio Messina che aveva trionfalmente “assicurato” che la Commissione Finanze della Camera dei Deputati di cui fa parte, aveva inserito nelle lotterie nazionali del 2009 il Carnevale di Sciacca, la delusione per i cittadini di Sciacca che hanno scoperto che la lotteria promessa in realtà si è rivelata una “bufala nazionale“.

 “Ho voluto fortemente l’abbinamento di una lotteria nazionale con il carnevale di Sciacca – aveva dichiarato   molto soddisfatto Ignazio Messina ad Agrigento Notizie nel novembre 2008,-  che contribuirà a rendere i tradizionali carri allegorici ancora più belli e di maggior pregio artistico.
Sono particolarmente contento – ha proseguito  – che il carnevale di Sciacca, che ha una tradizione antichissima, sia accostato al più noto carnevale di Viareggio, a cui peraltro non ha nulla da invidiare, perché ciò contribuirà a dare maggiore notorietà alla città che, oltre alle già rinomate bellezze del mare, ha molto altro da offrire e ha tutte le potenzialità per intercettare l’interesse di quel crescente movimento turistico alla riscoperta delle antiche tradizioni locali. – conclude Messina – mi auguro di aver dato motivo di un piccolo sorriso a tutti i cittadini saccensi affezionati, come me, a questa tradizionale kermesse che risveglia ogni anno lo spirito popolare e che produrrà certamente un immediato incremento nelle attività economiche. Mi auguro di incontrare tutta la cittadinanza alla conferenza stampa indetta sabato per illustrare meglio i risvolti di questo decreto e non ci dovrebbero essere problemi per la sua approvazione.

Purtroppo per lui, il decreto effettivamente è stato approvato e pubblicato nella GU dello Stato n. 3 del  5.1.2009 … ma della lotteria per il Carnevale di Sciacca non c’è traccia.

A Carnevale ogni scherzo vale, ma  il deputato dovrebbe quantomeno fare ammenda e chiedere scusa alla città.

(bozza biglietto dell’Ass. Altrasciacca)

Più popolari

ultime notizie