mercoledì, Settembre 28, 2022
No menu items!
HomeCronacaForze di Polizia: la detassazione un clamoroso bluff del governo

Forze di Polizia: la detassazione un clamoroso bluff del governo

Senza commento, pubblichiamo il comunicato a firma del Segretario Generale del Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle forze di Polizia, Franco Maccari.
In poche ore quello che era un primo segnale positivo da parte del Governo nei confronti del personale delle Forze dell’Ordine, si è tramutato nell’ennesima pugnalata alle spalle dei poliziotti!!!
Una particolare favorevole attenzione nei riguardi del personale delle Forze dell’Ordine ci era stata preannunciata prima della seduta del Consiglio dei Ministri di ieri 28 novembre, ed alla fine di questo avevamo avuto la conferma: detassazione dei premi di produttività anche per poliziotti, carabinieri, finanzieri, penitenziari, etc … .
Dal comunicato stampa della Presidenza del Consiglio dei Ministri, difatti, si poteva leggere:
“viene prorogata la detassazione dei salari di produttività con innalzamento da 30 a 35.000 euro del reddito massimo per beneficiare dell’aliquota agevolata e con innalzamento da 3 a 6.000 euro del salario di produttività agevolato fiscalmente. … La detassazione riguarderà anche i militari e le forze dell’ordine e di soccorso”.
Un “bonus” che detassando dal 46 al 10% (in ciò consiste il beneficio per i dipendenti delle aziende private) i compensi previsti dal nostro Fondo per l’Efficienza per i Servizi Istituzionali, avrebbe portato nelle tasche dei poliziotti una ulteriore somma annua minima di 400 euro!
Avevamo accolto tale decisione favorevolmente e ringraziato quei parlamentari del centro-destra che sappiamo essere davvero vicini ai poliziotti ed a tutto il personale delle Forze dell’Ordine ed Armate.
Sono bastate però a questo Governo poche ore, per farsi riconoscere per quello che realmente è, e questo con buona pace anche per coloro che seriamente si sono battuti per restituirci un minimo di dignità!
Dai 400,00 euro minimo per poliziotto, siamo passati in pochissimo tempo a 60 milioni da dividere per oltre 500.000 dipendenti, … in poche ore da 400 euro ad “almeno 100 euro” per ognuno di noi (ma possiamo star certi che anche quell’almeno verrà tolto), che significano 27 centesimi al giorno in più.
Dopo i 13 centesimi giornalieri di “specificità” per pagarci dell’obbligo che abbiamo di farci anche ammazzare al posto degli altri, erano stavolta arrivati a farci credere di volerci dare almeno un euro al giorno trattandoci (unici tra il pubblico impiego … uno sforzo incredibile) alla medesima stregua dei dipendenti privati (che comunque di benefici ne hanno avuto anche altri nel tempo…).
Ma un euro da dare ai poliziotti, per qualcuno era evidentemente troppo. Noi siamo Servitori dello Stato, quelli che rischiano la vita, quelli che hanno il “Governo amico” (in realtà un certo sindacato la pensa così, o forse è in forte debito nei suoi confronti….) e dobbiamo pertanto essere valorizzati con qualche centesimo.
Difatti ci hanno sbattuto in faccia altri 27 centesimi!
Non è possibile?
Beh, non ci credevamo nemmeno noi, finché non abbiamo letto questo:
Roma, 28 nov. (Apcom) – In arrivo a gennaio per i dipendenti del comparto sicurezza, difesa e soccorso, un bonus che sarà mediamente di almeno 100 euro in più. E’ quanto tiene a sottolineare il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, parlando a Montecitorio del pacchetto di misure anti-crisi varato oggi dal Cdm.
“Abolita la detassazione sugli straordinari e passati alla detassazione sui premi di produttività, si era deciso di farlo solo per i privati. Ma io, insieme ai capigruppo del Pdl, Cicchitto e Gasparri, ho insistito affinché questa agevolazione si facesse anche per il comparto della sicurezza, difesa e soccorso. In particolare, ho chiesto che il tutto fosse equiparato grosso modo a quanto avviene nel comparto privato. Non si poteva equiparare esattamente, perché cambiano i parametri”, spiega La Russa.
“Comunque – aggiunge – abbiamo convenuto di fissare un tetto massimo di 60 milioni di euro e poi con un successivo Dpcm che riguarda tutti i ministri competenti, decideremo come distribuire questa cifra. Questo comporterà per il singolo mediamente più di 100 euro di bonus a gennaio. La mia richiesta è stata accolta e si è associato anche Maroni. La mia idea è che il bonus debba essere minimo di 100 euro”.
La detassazione dei premi di produttività per noi non potrà quindi essere uguale a quella dei dipendenti delle aziende private in quanto “cambiano i parametri(che vorrà poi dire non si saprà mai …) e pertanto, dalle iniziali 400 euro annue, grazie al Ministro La Russa ed ai capigruppo del Pdl (che hanno “insistito” …),  alla fine hanno deciso di darci soli 100 euro: 27 centesimi al giorno!!!!
Torniamo ai “parametri” ??
Ebbene, i “parametri” diversi che noi abbiamo riscontrato sono questi:

  • Il salario di produttività dei dipendenti delle aziende private (c’è bisogno di elencarne qualcuna? Basta accendere la televisione ed andare sui canali non pubblici…) che verrà agevolato fiscalmente è stato innalzato da 3 a 6.000 euro. Ciò significa più soldi per loro, anche ulteriori 2.200 euro annui.
  • I poliziotti hanno invece in media un compenso per la “produttività” di miseri 850 euro annui (lordi, ovviamente). Ciò significa – per il “Governo amico di qualcheduno” – che i 400 euro annui che i poliziotti avrebbero potuto avere grazie alla detassazione sono stati considerati troppi! Noi evidentemente siamo da premiare con i centesimi, …. gettati in faccia!!!

Continuano ad umiliarci ed a pugnalarci alle spalle!!!!!!!!

Più popolari

ultime notizie