lunedì, Settembre 26, 2022
No menu items!
HomeCronacaUnipisa e Comune Marsala, un master con troppi fili pendenti...

Unipisa e Comune Marsala, un master con troppi fili pendenti…

I fili pendenti di Colombo
I fili pendenti di Colombo

Parafrasando una affermazione tipica del tenente Colombo, la celeberrima serie televisiva americana, troppi fili pendenti in questa trovata universitaria del Comune di Marsala. Troppi i fili che non si riescono ad annodare!
Come noto il Comune di Marsala ha patrocinato e sponsorizzato un Master, secondo il testo rilasciato dall’Amministrazione, per la preparazione professionale di giovani laureati nel settore Turistico manageriale e storico-culturale, proposto, sembra, dall’Associazione ex Allievi del Liceo Classico “Giovanni XXIII”.  Università di rierimento PISA – facoltà di Lettere e Filosofia, Dipartimento di Storia.
Niente di strano, anzi. Il problema inizia nel confronto dei documenti “UFFICIALI” dell’Università e del Comune.
Il primo parla di master universitario di I livello IN STORIA, CULTURA E TURISMO I AREA MEDITERRANEA,  mentre il secondo riporta  master sul turismo, finalizzato alla frmazione di giovani laureati nel settore del Turismo manageriale e storico-culturale.
Sembra evidente anche ai non addetti ai lavori che si tratta di due cose completamente diverse tra di loro. Il Primo si propone di dare una cultura storica mentre il secondo una preparazone professonale e manageriale.

I fili pendenti sono diversi:

Il primo
: perché Pisa ?  Noi abbiamo qualche idea ma al momento riteniamo non sia il caso di pubblicare le risultanze delle nostre informazioni;
Secondo : Pisa, facoltà di Storia che viene in Sicilia per preparare svolgere un Master per la formazione di giovani laureati nel settore Turismo manageriale, suona come un Master organizzato da una facoltà di Medicina per la formazione professionale di ufficiali di artiglieria.
Qui ci deve essere stata una grande incomprensione tra Comune e Università perché quest’ultima nel Bando parla di “master universitario di I livello in STORIA, CULTURA E TURISMO IN AREA MEDITERRANEA”  che non ha nulla ha che fare con quanto viene riferito dal Comune di Marsala anche nella delibera di Giunta n.255 “”Master per la formazione di giovani laureati nel Settore Turismo manageriale e storico-culturale“.
Ora appare chiaro che l’informazione data dall’Amministrazione è assolutamente diversa da quella “documentale” del bando e questo potrebbe creare gravi danni agli aspiranti al Master convinti di ottenre un attestato di partecipazione ad un master di tipo maganeriale e turistico.
Riteniamo che la responsabilità di chiarire questo grave “misunderstanding” sia dell’Università di Pisa.
Il terzo : il Professor Pezzino, docente di Storia Contemporanea all’Università di Pisa,  che nella delibera di Giunta viene indicato come proponente del progetto e Direttore del Master , e persona che ha presentato il prospetto didattico-formativo e il piano finanziario del Master (per conto dell’Università o per conto dell’Associazione?) si trova attualmente in nella posizione giuridica di “Alternanza”  con assegni (anno sabbatico), almeno questo è quanto ci è stato confermato dalla Segreteria di Facoltà che ci ha riferito inoltre che attualmente il docente dovrebbe trovarsi all’estero.
Dove sia il professore conta poco ma certamente in base alle normative di legge non può svolgere alcuna attività diversa di quella prevista dall’art. 17 DPR 382/80 che disciplina la materia. Di conseguenza può svolgere esclusivamente attività di ricerca scientifica presso istituzioni italiane, estere e internazionali.
Non sono previste deroghe alle norme di legge.
Come mai viene presentato come proponente, responsabile del prospetto economico finanziario e didattico-formativo, ed infine direttore del Master se non può fare nulla di tutto ciò? Ma soprattutto appare quantomeno anomalo che il Senato Accademico abbia autorizzato il docente per svolgere una attività non consentita dalla legge.
Il quarto : come mai la quota di partecipazione che ammonta a 4 mila euro per ciascun partecipante viene incassata da una associazione mentre il contributo è concesso all’Università? Perché  Se tutta la parte burocratica/amministrativa/didattica  è esterna all’Università di Pisa come fa quest’ultima, eventualmente, a rilasciare una attestato?
Il quinto : il contributo è a fondo perduto e non vincolato ad un “minimo” risultato ?
Il sesto : chi dovrebbe insegnare in questo master?
Il settimo: la Commissione “appositamente nominata” che esaminerà i candidati a termine del master, da chi sarà nominata, dall’Università oppure dall’Associazione?
Impossibile parlare con il Rettore Marco Pasquali che abbiamo cercato inutilmente di contattare per ben 4 ore. Tutte le volte che abbiamo chiamato era sempre in riunione!  Così come ci è risultato difficile trovare il prof. Giuseppe Petralia, Direttore del Dipartimento di Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia, poter avere chiarimenti e risposte ai nostri quesiti.
Dal Comune di Marsala veniamo informati che il prof. Pezzino è stato autorizzato dall’Università di Pisa con una delibera del Senato Accademico.
Il Presidente del Senato Accademico è il Rettore e quindi se vorrà chiarire o intervenire ed eventualmente rispondere e rivedere la decisione per una attività che comunque sia, presenta molti dubbi e perplessità, saremo felici di dargli tutto lo spazio richiesto.

Più popolari

ultime notizie