lunedì, Settembre 26, 2022
No menu items!
HomeEsteriPAKISTAN - Secondo Gates, le leggi internazionali autorizzano gli Usa ad agire...

PAKISTAN – Secondo Gates, le leggi internazionali autorizzano gli Usa ad agire in Pakistan

Fata (Aree tribali)
Fata (Aree tribali)

Questa sorprendente quanto estemoranea affermazione è del Segretario della Difesa statunitense Robert Gates che forse non ricorda bene quali sono le norme internazionali che riguardano la sovranità territoriale di un paese.
Gates, in due distinte audizioni al Senato ha precisato che gli USA considerano una possibile sollevazione in Fata (Aree tribali) un grande pericolo per l’Occidente e si è detto disposto, se necessario, ad inviare le truppe a sradicare l’estremismo. 
Curiosamente ha anche sottolineato l’importanza di lavorare con il Pakistan, affermando che gli Stati Uniti collaborano con il nuovo governo pakistano per sconfiggere i militanti militanza.  

R. Gates
R. Gates

Secondo Gates, la Carta delle Nazioni Unite – in base alle quali gli Stati Uniti operano in Afghanistan – ha dato agli USA il diritto di auto-difesa, e quindi ove un governo straniero si dimostri sia incapace o non voglia di prendersi la responsabilità di combattere il terrorismo internazionale all’interno dei suoi confini, gli USA sono autorizzati ad intervenire entro i confini di questo stato sovrano. Aspettiamoci che arrivino anche in Europa perché se si dovessero convincere che l’Europa non fa nulla o non sa far nulla contro i terroristi, allora arriveranno con i loro uomini o meglio ancora faranno uscire dalle basi americane presenti nei vari stati europei le loro truppe. 
Ha aggiunto che : “Vorrei semplicemente dire che. . . il diritto internazionale (ndr. le norme) sono state opportunamente studiate dal Dipartimento di Stato“. Pensiamo sia stata pi una interpretazione di parte delle norme che una vera e propria presa di coscienza.
In una nota diramata prima dell’audizione, Gates ha affermato che “l’insicurezza e la violenza” nella regione continuerà fintanto che sarà possibile per i militanti avere rifugi sicuri nelle aree tribali del Pakistan.
Gli Usa agiscono in Afghanistan ed in Pakistan contro i terroristi perché non possono permettersi di fallire.
Per essere schietti, fallire – o dare l’impressione di fallire in Iraq o in Afghanistan sarebbe un colpo disastroso per credibilità degli USA, sia tra gli alleati che tra i potenziali avversari“.
“Il Governo pakistano non ha la capacità di lanciare operazioni unilaterali contro i militanti all’interno dei suoi confini” ha concluso. 
Tutto questo ovviamente , non fa che aumentare i problemi interni al Pakistan. Si parla sempre e solo di aree tribali e si dimentica spesso che sul confine pakistano è presente una grande comunità afghana stimabile  in qualche milione di persone.  Roba da niente.
Gli USA insistono con la loro politica contro le norme internazionali e continuano a gettare benzina su un fuoco che già di suo ha fiamme molto alte.
Ciò che impressione è il fatto che solo il Primo Ministro inglese Brown ha formalmente protestato per le violazioni USA del territorio pakistano.
L’Europa unita ancora una volta si è dimostrata assente e quasi sottomessa a Washington.

Più popolari

ultime notizie