Home Cronaca Il Pakistan “sospende” i rifornimenti di carburanti alle forze Nato

Il Pakistan “sospende” i rifornimenti di carburanti alle forze Nato

0
30

Il governo di Islamabad ha riferito di aver deciso, a decorrere da oggi, di interrompere le forniture di carburante per le forze della NATO in Afghanistan.
Un Alto Funzionario governativo ha riferito che l’ordine di interrompere l’invio di forniture di carburanti alle forze Nato che operano in Afghanistan è giunto direttamente da Islamabad, ma non è dato di sapere per quale motivo è stato dato. Da oggi nessun convoglio di transiterà fino a nuovo ordine da Torkham, la via attraverso la quale i rifornimenti arrivano alla Nato.
Fonti governative riferiscono che la decisione fa seguito agli attacchi americani in Pakistan nelle aree tribali del Waziristan, dove le forze della coalizione sembrano aver intensificato i loro attacchi causando notevoli perdite civili.
Da oggi quindi, la strada di Torkham che collega Peshawar a Kabul e zone settentrionali dell’Afghanistan e gli stati dell’Asia centrale, e che è una delle principali rotte di approvvigionamento per l’International Security Assistance Force (ISAF), è chiusa ai convogli militari ed ai rifornimenti.

Il passo del Khyber
Il passo del Khyber

Un convoglio composto da oltre 20 veicoli, incluso camion cisterna, è bloccato alla frontiera di Torkham a seguito della decisione del governo.
La decisione di sospendere le forniture sarebbe da attribuire, secondo fonti governative,  alla difficile situazione che è in atto nell’area tribale del Khyber  e dovrebbero riprendere non appena la situazione della sicurezza sarà sotto controllo delle forze pakistane, poiché in questo momento la strada di Torkham è diventata estremamente pericolosa per la massiccia presenza di militanti nel territorio di Jamrud e Landi Kotal.
Anche se viene negata ogni relazione con gli attacchi americani in territorio pakistano, l’ipotesi che la sospensione delle forniture sia “un avvertimento” agli Usa non è da escludere.
La decisione del governo pakistano starebbe a dimostrare quanto, con le dimissioni del Gen. Musharraf dalla presidenza, la situazione politico-governativa del Pakistan sia divenuta instabile.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here